Settimio Severo 193 – 211

Leptis Magna – Libia, 146
Lucius Septimius Severus Pertinax

Settimio SeveroAppartenente all’ordine equestre, nel 171 iniziò a Roma la sua carriera politica, fu governatore della Gallia Lugdunense e poi della Sicilia, in seconde nozze sposò la siriana Giulia Domna appartenente ad un’ antica e potente casta di sacerdoti di Emesa (Homs in Siria).

Nel 191 ebbe il comando militare in Pannonia e dopo la morte di Pertinace fu acclamato dalla legioni presso Carnuntum (Petronell in Austria) nell’aprile 193. Sceso in Italia si accordò prima con Clodio Albino proclamato in Britannia e Gallia nominandolo cesare, poi nel 194 sconfisse in Oriente l’altro rivale Pescennio Nigro. Sostituì i pretoriani colpevoli dell’assassinio di Pertinace con soldati delle sue legioni e fu così interrotta la tradizione che voleva le coorti pretorie costituite esclusivamente da italici.

Nonostante l’ostilità degli aristocratici che tramavano con Clodio Albino, S.S. riuscì infine a sconfiggerlo presso Lione nel febbraio 197 rimanendo così solo signore dell’Impero. Cercò la definitiva consacrazione del suo potere attraverso quella che era per il mondo romano la prova di gloria suprema, la spedizione orientale. Tra il 197 e il 202 riuscì a consolidare le frontiere ottenendo notevoli successi come la presa di Seleucia, Babilonia e Ctesifonte (vicino Bagdad).

Una volta rientrato si dedicò al riordino delle finanze ed alla sistemazione dei confini ripristinando ad esempio il vallo di Adriano, nel 208 decise di intraprendere una campagna contro i Caledoni e i Meati ma ammalatosi non riuscì a partecipare alle operazioni, morì infine a Eburacum (York) nel febbraio 211

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>