Sirmio 232
Marcus Aurelius Probus

ProboGià ufficiale di Aureliano, fu eletto dalle legioni d’Oriente nella primavera-estate del 276 dopo la morte di Tacito. Tenace restauratore dell’Impero eliminò gli uccisori di Tacito e Aureliano. Marciò quindi verso le frontiere occidentali sconfiggendo nell’agosto del 276 i Goti, nel 277 liberò la Gallia dai Burgundi, Vandali e Franchi ristabilendo il confine sul Reno – Danubio.

Poi pacificò la Rezia, sconfisse i Sarmati nell’Illirico e i briganti isaurici in Oriente mentre i suoi generali riconquistavano ai Blemmi l’Alto Egitto. Intensificò la viticoltura nelle Gallie e nell’Illirico, molto probabilmente per aumentare le riscossioni in natura che costituivano la maggior parte delle entrate fiscali e per compensare il calo demografico stanziò numerosissimi barbari nei territori dell’Impero.

Tra il 280 e il 281 si liberò degli usurpatori Saturnino in Oriente, Proculo e Bonoso in Occidente. Fu ucciso a Sirmio (Sremska Mitrovica, Voivodina) nell’autunno del 282 dai soldati stanchi e irritati dalla dura disciplina che P. imponeva.