Domiziano 81 – 96

Roma, 24 novembre 51
Titus Flavius Domitianus.
Sposato con: Domizia Longina, 70

DomizianoD. si trovò a Roma nei delicati e convulsi momenti che precedettero la morte di Vitellio nel dicembre del 69. Dopo la vittoria definitiva dei sostenitori del padre rimase nell’Urbe per curare gli affari di governo, poi una volta insediatosi, Vespasiano lo relegò in secondo piano per evitare contrasti alla successione del primogenito Tito.

Successe al trono dopo la morte di quest’ultimo il 13 settembre 81 dopo che, in osservanza della procedura, si era presentato alle coorti pretorie e al senato. In contrasto con la politica dei suoi predecessori che avevano favorito le classi superiori, D. cercò il consenso dei ceti popolari e per superare l’opposizione senatoriale concentrò nelle sue mani il maggior potere possibile anche attraverso manifestazioni esteriori che accentuarono il suo dispotismo monarchico. In campo economico si dedicò a migliorare l’allevamento in Italia e ad incrementare la coltura dei cereali mentre promosse costruzioni pubbliche in tutti i territori dell’Impero.

Uno sforzo finanziario che portò D. a requisizioni e confische effettuate a danno di elementi a lui avversi, si creò così un clima di terrore e sospetto che culminò con la cacciata dall’Italia di quanti insegnavano filosofia ritenuti pericolosi fautori della libertà di pensiero.

In politica estera Giulio Agricola sconfisse i Caledoni nell’84 mentre sul Reno la campagna contro i Catti portò definitivamente la frontiera al fiume Meno con la creazione degli Agri Decumates, cioè i territori tra Reno e Danubio. Infelice invece l’esito della spedizione contro i Daci condotta prima tra l’85 e 86 poi nell’88-89, infatti dopo un avvio vittorioso mentre la capitale Sarmizegetusa stava per cadere, D. intraprese una campagna disastrosa contro Quadi e Marcomanni che lo costrinse a chiedere la pace con i Daci, in Oriente fu invece mantenuto lo statu quo e l’ultima operazione militare fu al nord nel 92-93 con una vittoriosa campagna contro Suebi e Sarmati.

Il contrasto tra l’opposizione e il sempre più dispotico imperatore portò infine ad un complotto che vide D. cadere pugnalato da un liberto a Roma il 18 settembre 96.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>