Roma ca. 157
Marcus Antonius Gordianus Sempronianus Romanus Africanus

Aveva quasi ottanta anni quando nel marzo 238 i ricchi proprietari africani, stanchi delle requisizioni che Massimino richiedeva per la guerra, lo elessero imperatore a Tisdro (El Djem, Tunisia). Riconosciuto dal Senato di Roma si associò il figlio Gordiano II. Dopo venti giorni il legato di Numidia Capelliano affrontò a Cartagine l’esercito dei rivoltosi, in realtà una disordinata massa di civili, il giovane Gordiano fu ucciso in battaglia e il vecchio Gordiano si suicidò nell’aprile 238

ca. 192
Marcus Antonius Gordianus Sempronianus Romanus Africanus

Associato con il padre Gordiano I nel marzo 238, comandò il raccogliticcio esercito che affrontò a Cartagine nell’aprile 238 le truppe del legato di Numidia Capelliano, morì in battaglia e il suo corpo non fu riconosciuto.