Boschi sacri e ritualità nel mondo antico

Lezione on line

Quello dei boschi sacri è uno dei temi più complessi e dibattuti della storia delle religioni; una delle principali problematiche è l’origine e l’antichità del concetto di “bosco sacro” o lucus per i Romani: iniziale culto degli alberi poi trasferito a determinate divinità -generalmente ma non solo femminili – legate per la loro stessa natura ai boschi? Culto di un albero particolare?

Pauroso, pericoloso, rifugio di belve fantastiche, dove è facile smarrirsi. La voce della natura è nel bosco particolarmente intensa, il tempo sembra fermarsi e l’animo umano riesce a entrare in contatto con la divinità. È anche dimora prediletta di spiriti, fauni, satiri, ninfe, dei della natura, a volte benevoli, a volte ostili e quindi temibili.

Certo un culto antichissimo, di origine silvestre, che precede quello delle divinità olimpiche, sovrapponendosi a questo e convivendo con esso fino all’età tardo-antica e al Medioevo, tanto che nel VI e VII secolo vennero indetti due concili per sancire definitivamente l’abolizione dell’adorazione degli alberi, definendola sacrilega e mettendo fuori legge i culti che si tenevano nei boschi (dendroforia).

Prenotazione obbligatoria

Sabato 30 maggio 2020, ore 17:00 – 19:00

Relatore: Dott.ssa Giuseppina Ghini

Costo: € 15,00

Dove: dal divano di casa

Chiusura iscrizioni: 28 maggio

La lezione verrà tenuta on line, per partecipare sarà sufficiente seguire queste istruzioni:

1 – Contatta la segreteria scrivendo una mail all’indirizzo di posta info@gruppoarcheologico.it
2 – Effettua il bonifico entro due giorni lavorativi dall’inizio della lezione ed invia in contemporanea la ricevuta di pagamento alla segreteria.
3 – Scarica Skype e clicca sul link che verrà fornito dalla segreteria.

 

Luogo Incontro: - Roma - Ore: 17:00

Aggiungi al Calenderio Google Aggiungi al calendario Apple

Leave a Reply

Theme by Anders Norén